Narayan Minozzi

“Preferire sempre di no. Non rispondere a inchieste, rifiutare interviste, non firmare manifesti, perché tutto viene utilizzato contro di te, in una società che è chiaramente contro la libertà dell’individuo …”

Questa fanzine ha parlato e scritto su moltissimi gruppi emergenti. Siamo partiti dalla conca come punto di partenza sino ad estendere la nostra linea editoriale in tutta Italia. Nella nostra faretra però, è sempre mancata una figura che incarnasse l’artista con la A maiuscola. Qualcuno che con la sua bravura tecnica ci facesse gongolare durante le esibizioni, ma anche e soprattutto qualcuno che restituisse alla musica la sua qualità intrinseca di arte svincolata da fini meramente commerciali. Ci è mancato il signor Narayan Minozzi.

Ternano, alto un metro e novanta, nato il primo agosto del 1978 questa la sua carta d’identità. Spiccato ricercatore di suono, dotato di talento, passione e di una naturale predisposizione alla musica che purtroppo non possono essere comprati dalla collettività da Angiolini presso Guitar Planet. Le sue band principali sono state: Ausilia, Narayan and the Reptilians e i Samantha. Non si contano inoltre gli innumerevoli progetti che ha intrapreso in tutta Europa in special modo in Francia.

Il soggetto in questione è un artista. Un ragazzo che fa dei suoi continui sacrifici un’estinzione della propria personalità. Difatti egli appare stralunato, isolato, sempre immerso nei suoi pensieri, insomma non potrebbe mai intraprendere la carriera del politicante. Non si prostituisce per fini commerciali ma vende allegria e buonumore sottoforma di riff funky e devasta le masse con la sua presenza scenica. Una vera e propria rockstar della porta accanto. Cosa mi ha colpito per poter dir cio? In primis perché non ci ha mai fatto una richiesta per pubblicizzare i suoi lavori; e in secundis perché ha sempre rifiutato ed evitato qualsiasi tipo di intervista. Vi racconterò per rendervi edotti sul personaggio questo piccolo aneddoto. Una volta gli chiesi “Nara vorrei scrivere un pezzo su di te, mi dici dove posso trovare i tuoi pezzi su Internet?” Lui Flaianamente mi rispose “Guarda i miei video su Mtv”. Rimasi attonito tra lo stupito e lo stupido poi scoppiai in una fragorosa risata. E’ proprio vero: gli artisti o li ami o li odi.

Io sono un ammiratore oltraggioso di questo musicista non lo nego. Non ha recapiti informatici o se li ha li tiene ovattati e nascosti per bene. Ha alle spalle una carriera da musicista pluridecennale ma pochi lasciti probatori dei suoi passaggi sui palchi. Quest’articolo è quindi un tributo alle sue qualità di lottatore per la sua musica, un’omaggio alle sue doti eversive e soprattutto un piccolo lascito informatico sulla sua immensa bravura. Prossimo evento dove ammirarlo? Chiusura del concerto del 1°maggio presso il Forte Prenestino a Roma. Giovani leve imparate, anzi rubate con gli occhi da questi video:

Ausilia – Gargamella vincerà

Narayan – A Forest (The Cure cover)

historical reviews of Leonardo Bartoli

Be first to comment